Sparita la primatista Letesenbet Gidey


Articolo riportato da atleticalive.it - "La Gidey avrebbe dovuto partecipare ad uno degli eventi clou della stagione atletica mondiale, ovvero la mezza maratona di Valencia della scorsa domenica. Ci sarebbe stato uno scontro epocale con un’altra debuttante di altissimo profilo come Genzebe Dibaba. Ma la Gidey non è mai arrivata a Valencia. Cos’è successo?

La regione in cui vive la Gidey è situata nel nord dell’Etiopia, il Tigray, e in quella regione è in corso da oltre un mese un sanguinoso conflitto che ha costretto anche la Gidey e doversi nascondere. In un post su Instagram la stessa Gidey aveva informato i suoi followers come potrebbe essere in corso un genocidio e che forse avrebbe dovuto rifugiarsi in Sudan.

Forse lì si troverebbe in questo momento. L’organizzatore della maratona e della mezza di Valencia era riuscito a contattarla pochi giorni prima della gara, tramite un telefono. Si stima che quasi 50mila rifugiati abbiano varcato il confine con il Sudan, un Paese che, nonostante sia in una fragile transizione verso la democrazia e nel pieno di una crisi economica e umanitaria, non ha esitato ad aprire i suoi confini per accogliere i suoi vicini etiopi. E probabilmente questo sembra sia stato il destino della Gidey intrappolata da un conflitto che, secondo alcuni esperti, potrebbe portare a una guerra civile (se non lo è già) tra il Fronte di liberazione popolare del Tigray e il governo centralista guidato dal primo ministro Abiy Ahmed Ali che nel 2019 aveva ricevuto il Premio Nobel per la Pace per i suoi sforzi per porre fine a 20 anni di conflitti tra Etiopia ed Eritrea.

In questo modo, a 22 anni, Gidey è diventata una delle figure di spicco di un conflitto che, in mezzo alla crisi causata dall’espansione del coronavirus, non ha sostanzialmente avuto nessun impatto sul mondo occidentale. Allo stesso modo in cui Feyisa Lilesa aveva fatto conoscere i crimini che erano stati commessi sui cittadini etiopi di etnia Oromo, ora è la Gidey ad essere una delle protagoniste di un nuovo conflitto in un Paese che è stato più volte caratterizzato dalla sua instabilità interna"